Acquario di Cattolica, il mondo marino ai tuoi piedi

L’Acquario di Cattolica, conosciuto anche come Le Navi, sorge in un’area marina di 110.000 mq, di cui 49.000 destinati a parco pubblico ed è un progetto destinato alla conoscenza e salvaguardia dei mari e delle creature che lo abitano.

Conoscere

Nato come progetto architettonico conservativo di una colonia costruita negli anni ‘30, “Le Navi” è stato restaurato nel pieno rispetto del progetto originario e decisamente innovativo,  dell’architetto Clemente Busiri Vici, conservando così l’aspetto aereo-navale degli edifici. Oltre a mantenere la particolarità architettonica degli edifici, il progetto di recupero è stato finalizzato alla realizzazione di uno spazio didattico-culturale-educativo. Nasce così’ l’Acquario di Cattolica, un parco-acquario decisamente unico nel suo genere.

L’acquario è il più grande della Riviera Adriatica e secondo in Italia con i suoi due milioni e mezzo di litri d‘acqua di mare, dove vivono oltre 3000 esemplari di ben 400 specie diverse. Una visita all’acquario è un vero e proprio viaggio sopra e sotto mari, durante il quale conoscere, scoprire e interagire con diverse creature, molte delle quali a rischio d’estinzione.

Esplorare

Una visita all’acquario si suddivide in quattro itinerari, distinti per colore, ognuno dei quali è un vero viaggio alla scoperta di un habitat e delle specie che ne fanno parte.

acquariocattolica6_zoom

Ingresso blu

Questo percorso è un vero viaggio, non solo attraverso i  mari e gli oceani, date le diverse specie che si possono ammirare, ma anche un viaggio nella storia e nell’evoluzione del pianeta terra, partendo ovviamente dall’acqua. In ogni vasca un ambiente marino diverso, si va dal Mar mediterraneo alla barriera corallina del mar Rosso, passando dagli oceani Indiano, Pacifico e Atlantico e in ogni ambiente si possono ammirare le diverse e colorate specie che lo abitano.

Nella vasca centrale e più grande, ben 700.000 lt di acqua di mare, si possono ammirare da vicino, le creature marine più antiche, più affascinanti e temute: i grandi Squali Toro e Nutrice, senz’altro i veri protagonisti dell’acquario.

Lo Squalo Toro, con i suoi tre metri e oltre di lunghezza, è il più grande squalo presente nei mari italiani e, vivendo sotto costa, viene spesso avvistato.

Lo Squalo Nutrice è invece originario delle coste tropicali e subtropicali, di dimensioni simili al cugino, ha un aspetto meno aggressivo, grazie alla bocca di piccole dimensioni, ma capace di risucchiare grandi quantità di cibo mentre nuota velocemente. Entrambe le specie non sono particolarmente aggressive,  ma è solo ammirandoli nel loro ambiente, in totale sicurezza, che si impara a rispettare queste creature antichissime e a comprendere che non solo sono a rischio, ma anche la responsabilità che ha l’uomo nei loro confronti.

acquariocattolica9_zoom

Proseguendo il percorso, si possono ammirare i Pinguini di Humboldt, originari delle acque più temperate dell’Oceano Pacifico, hanno i loro habitat sulle coste del Perù e del Cile. Con il loro 60 cm di altezza e un peso massimo di 5 kg, sono senz’altro gli ospiti più teneri e coccolati di questo percorso, inoltre, essendo una specie a rischio, la presenza di diversi esemplari all’acquario, contribuisce alla sua salvaguardia.

Attraverso i primi tre oblò di un’altra vasca,si possono ammirare le sinuose movenze delle Meduse a Quadrifoglio, senza correre il rischio di entrare in contatto con i loro tentacoli urticanti; mentre nell’ultimo oblò la Medusa Cassiopea Andromeda, stupirà i visitatori con la sua particolare abitudine a vivere adagiata al fondale marino con i tentacoli rivolti verso l’alto, tentacoli tra l’altro decisamente innocui.

Nei corridoi del percorso si potrà passeggiare immersi nel Mangrovieto dell’Acquario, e così scoprire quanto le mangrovie siano importanti e utili per l’ecosistema. Con le loro radici aeree, queste piante sono infatti una protezione per le coste e rifugio di diverse specie, sopra e sotto l’acqua, tanto da valergli il soprannome di tate del mare.

Infine la vasca tattile, la Touchpool, ospita diversi organismi e  i Trigoni, o Dasyatis violacea sono i più grandi e affascinanti, con le loro larghe pinne pettorali e il loro aspetto romboidale. Alcuni esemplari di questa specie sono nati all’acquario e sono perciò particolarmente docili, inoltre gli viene periodicamente reciso, in modo indolore e da esperti, l’aculeo velenoso posto sulla coda, così poterli accarezzare e interagire con loro sarà totalmente sicuro.

Ingresso giallo

In questo edificio gli ospiti che si potranno ammirare, sono davvero molto speciali, qui infatti sono protagonisti la Aonyx cinerea, più comunemente nota come lontra dalle piccole unghie orientali, una specie considerata “vulnerabile” e il Paleosuchus palpebrosus, ovvero il Caimano nano di Cuvier, che è una specie il cui commercio è regolamentato da CITES da più di quarant’anni.

La lontra dalle piccole unghie orientali, così chiamata per le sue zampe anteriori, di cui si serve per catturare e cibarsi di piccoli molluschi, granchi e altri piccoli animali acquatici, a differenza di altre specie di lontre, vive soprattutto a terra ed è la più piccola lontra al mondo. Questo piccolo e dolcissimo mammifero, vive in paludi di acqua dolce e di mangrovie dell’Asia e, dato il degrado del suo habitat e della caccia, è stato inserito nella Lista Rossa della IUNC; per questo incontrare e conoscere  Eva, Costanza e Marta, le tre sorelle di questa specie di Mustelidi ospiti dell’acquario, sarà un’esperienza ancora più preziosa e unica.

Il Caimano Nano di Cuvier, il cui nome scientifico significa coccodrillo antico, è il più piccolo della sua specie, non supera infatti il metro e mezzo da adulto, ma essendo totalmente ricoperto da osteodermi, ha un aspetto davvero originale e decisamente primordiale.
Animale d’acqua dolce, il Caimano Nano in natura è molto diffuso nella zona tropicale settentrionale e centrale del Sud America; lo si può trovare infatti lungo il Rio delle Amazzoni, il São Francisco e l’Orinoco, ma anche lungo corsi d’acqua meno imponenti, nelle zone fluviali boschive e nelle foreste allagate intorno ai laghi di quest’area geografica. Pur essendo una specie a basso rischio di estinzione, il suo commercio è regolamentato soprattutto per il rischio di distruzione del suo habitat, così remoto e delicato, perciò poterlo ammirare in questa sezione dell’acquario è senz’altro un indiscutibile vantaggio.

Ingresso verde

Rettili e anfibi sono gli indiscussi protagonisti di questo percorso, dove poter ammirare tanto il temibile serpente, quanto la più innocente e comune lucertola, senza trascurare la simpatica rana.

I serpenti, diversamente dagli altri rettili, sono vertebrati privi di zampe, e sono un meraviglioso esempio di biodiversità, dato che, pur mantenendo un modello unico di corpo cilindrico-testa-coda, nella loro evoluzione, si sono specializzati in diverse “professionalità” e in grado di vivere in ogni ambiente. Le loro dimensioni, caratteristiche e abitudini, perciò sono molto diverse e i colori e i disegni della loro pelle, sono davvero uno spettacolo affascinante, che in questo percorso è possibile ammirare.

Ma il mondo dei rettili è vasto, multiforme e tutto da scoprire, ecco allora gechi, lucertole, camaleonti e iguane. Tutti questi rettili sono un esempio di come questa specie sia stata in grado di differenziarsi, mantenendo in comune le squame e la temperatura corporea soggetta a quella esterna e così rappresentare la conquista della terraferma da parte dei vertebrati.

Ingresso viola

All’Acquario di Cattolica è possibile fare un viaggio esplorativo in uno degli ambienti più ostili del pianeta: gli abissi più profondi. La mostra “Abissi terra aliena”, allestita in questo edificio, è una esposizione delle creature marine che sono riuscite ad adattarsi alla totale mancanza di luce e alla fortissima pressione delle profondità degli oceani, rendendone l’aspetto più vicino a creature aliene o immaginarie. L’obiettivo di questa mostra è proprio di far conoscere tutta la meraviglia di un ambiente impossibile da esplorare e di cui si conosce molto poco, esponendo le creature che ne fanno parte, tra cui un calamaro gigante di ben 13 metri.

Prenotare

All’Acquario di Cattolica ci sono diverse attività su prenotazione, pensate e organizzate con l’aiuto di esperti, per far conoscere le attività dell’acquario, le creature che lo abitano e come prendersene cura. Queste attività sono a pagamento.

Dietro le quinte è una visita di gruppo guidata da esperti, per conoscere i segreti e il lavoro degli acquaristi e addestratori, esplorando gli ambienti dell’acquario preclusi al pubblico. Il supplemento è di € 3,00.
Voci dal mare è un incontro con un sub in immersione, che risponderà a tutte le curiosità e domande sulla barriera corallina. Il supplemento è di € 5,00.

I segreti del rettilario è un percorso per conoscere più da vicino serpenti, iguana e sauri, le loro strategie di sopravvivenza e la loro biodiversità; si potranno ammirare da vicino anche i campioni del mimetismo terrestre, sia anfibi che insetti. Il supplemento è di € 3,00

Piccolo Veterinario è un’attività dedicata ai bambini dai 3 ai 6 anni, dove impareranno come prendersi cura delle cure marine, calandosi nelle vesti di un veterinario alle prese con squali e stelle marine…di pezza. Il supplemento è di € 3,00

Arrivare

L’Acquario si trova sul lungomare di Cattolica, in provincia di Rimini.
Si raggiunge in auto, dall’autostrada A14 uscendo a Cattolica; in treno scendendo alla stazione di Cattolica, poi si prende il bus 125 fino alla fermata 71; in bus da Rimini sulla linea 11 fino a p.le Curiel a Riccione, poi la linea 125.
Per tutta l’estate dal lunedì al venerdì è attivo un servizio navetta che collega le località della Riviera con l’Acquario e gli altri parchi.

Entrare

L’acquario di Cattolica è aperto da metà aprile a metà settembre tutti i giorni, in bassa stagione dalle 9,30 alle 16,30 e in alta stagione dalle 10,00 alle 21,30;  in ottobre nei weekend e nelle festività, in novembre e in dicembre la domenica, le festività e per tutto il periodo natalizio dalle 9,30 alle 16,30.

Per la sua finalità didattico-divulgativa, l’Acquario prevede diverse tipologie di biglietto d’ingresso con diverse combinazioni con le attività e i laboratori. Per conoscere i costi degli ingressi, tutte le convenzioni, prenotare le visite di gruppo e le attività consultare il sito ufficiale.

Posizione mappa: